martedì 5 novembre 2013

“Mai e poi mai”. Il ritorno di Alessandro Errico, l’idolo delle teenagers degli anni ‘90



La copertina del nuovo singolo "MAI E POI MAI"

Alessandro Errico, la faccia pulita del talk show “Amici” condotto su Canale 5 da un’esordiente Maria De Filippi, quando nel format di successo non si cercavano ancora talenti ma ci si limitava ad affrontare argomenti adolescenziali con i giovanissimi opinionisti presenti in studio. Era il 1992 e tra gli opinionisti si fece subito notare Alessandro Errico, diciottenne con la passione per la musica. La De Filippi venne a sapere che cantava in una band, gli chiese di intonare uno dei suoi pezzi e fu subito amore. Arriva il singolo “Rose e Fiori” prodotto dalla Sugar di Caterina Caselli e poi due partecipazioni al Festival di Sanremo, nel 1996 con il brano “Il grido del silenzio”, inserito nell’album “Il mondo dentro me” che raggiunge le 100mila copie e si aggiudica il disco d’oro, e l’anno successivo con “E penserò al tuo viso”. Partecipa al “Festivalbar”, al “Roxy Bar”, a “Un disco per L’estate”, in un’escalation di consensi di pubblico e critica, eppure Alessandro Errico sente di essere lontano dalla sua idea di musica, i brani che interpreta non lo rappresentano, è solo un prodotto da business, ostacolato nella sua voglia di esplorare cose nuove, insofferente al meccanismo tritacarne tipico delle grandi case discografiche, e all’apice del successo, nel 1997, a soli 23 anni, ha il coraggio e la determinazione di fare una drastica scelta: rescinde bruscamente il contratto con la Sugar e volta le spalle alla popolarità. Su di lui spegne microfoni e riflettori e ricomincia tutto da capo. Torna a frequentare la facoltà di Letteratura dell’Università La Sapienza di Roma, dove nel 2000 incontra Mauro Di Donato, docente di storia del cinema e bassista degli Ezra Winston, gruppo degli anni ’80. Con altri quattro componenti formano gli “SoneTsenZ” e si esibiscono in molti locali e piazze.
Alessandro oggi è cresciuto, e non solo per il suo viso maturo che lo rende quasi irriconoscibile rispetto agli anni del grande successo, ma la maturità è soprattutto artistica. Lo conferma il nuovo singolo “Mai e poi mai” uscito il 22 ottobre scorso, etichetta Joe & Joe, coprodotto da Mario Manzani. Il testo è crudo, diretto, ad effetto, come la melodia che lo accompagna. Alessandro in questi anni si è concesso il lusso della libertà, ha esplorato, sperimentato, studiato nuove sonorità e nuovi linguaggi. Ad ascoltarlo si direbbe che ne è valsa la pena. 
 

video



Alessandro Errico durante la partecipazione al Festival di Sanremo 1996 all'apice del successo


Ringrazio Tiziano Orecchio per la segnalazione.

Nessun commento:

Posta un commento